NON VINCE LO SPORT

china olympicsLa fiaccola olimpica passerà per il Tibet. Potrebbe rappresentare un simbolo di speranza, è vero. Ma in realtà, secondo me, sarà solo il segno di una profonda ipocrisia. L’ipocrisia di chi, in questi giorni, definisce uno sbaglio l’eventuale decisione di boicottare i Giochi cinesi: una decisione – si dice – che risulterebbe punitiva nei confronti degli atleti e della loro preparazione durata 4 anni.

Il vero sbaglio, probabilmente, è stato far ospitare alla Cina i Giochi Olimpici, come se le continue violazioni dei diritti umani in Tibet non fossero cosa già nota e come se le limitazioni delle libertà civili e politiche cui è sottoposto il popolo cinese non esistessero da tempo.  

Nella scelta di Pechino come sede dei Giochi prevalse l’interesse economico degli sponsor, le multinazionali occidentali, desiderose di fare breccia nell’immenso mercato cinese. E sono proprio gli sponsor che riceverebbero i maggiori danni di un eventuale boicottaggio delle Olimpiadi, che non avverrà mai.

Non c’è nessuno sulla scena politica mondiale, in questo momento, in grado di fare la voce grossa con il governo cinese, meno che mai gli Stati Uniti, che con la Cina sono indebitati fino al collo. Bush sarà a Pechino per Giochi Olimpici, non può permettersi di mancare.

Che non ci si racconti, quindi, la favoletta del danno agli atleti, allenatisi per quattro anni invano . Il boicottaggio non si farà per altre, ben più squallide ragioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...