NON ESCLUDO IL RITORNO

 

 Ecco il testo dell’intervista rilasciatami da Marcello Lippi per Affaritaliani.it

 

“Tornare in Nazionale? Non lo escludo e non mi dispiacerebbe”.  Marcello Lippi elogia l’attuale ct Donadoni, ma non scarta l’ipotesi di sedere di nuovo sulla panchina dell’Italia, con cui ha conquistato nel 2006 la Coppa del Mondo. Ce lo ha rivelato lui stesso in un’intervista in cui ha detto la sua  sul campionato e sui giocatori del momento,  sulle Olimpiadi e sull’eventualità di un boicottaggio. E non ha mancato di fare il suo pronostico sul prossimo Europeo.

Dopo le proteste in Tibet e la repressione del governo cinese, ci si chiede se sia il caso di boicottare o meno  le Olimpiadi. Lei cosa ne pensa come uomo di sport che ha rappresentato l’Italia nel mondo?

Penso che sarebbe il caso che tutto il mondo desse la sensazione di volerle boicottare, perché non si può ignorare la violazione dei diritti umani del popolo tibetano, quindi bisognerebbe dare un segnale forte di disapprovazione. Lo sport però deve prevalere su tutto, e quindi è giusto che gli atleti partecipino ai Giochi.

Parliamo di campionato. Pensa che sia possibile la rimonta della Roma? O l’Inter, nonostante qualche passo falso, è destinata a  prendersi il titolo?

 Io ho la sensazione che, tutto sommato, nonostante certe difficoltà dell’ultimo periodo, l’Inter alla fine ce la farà, anche perché non deve più giocare in Champions e torneranno disponibili molti giocatori decisivi. Certo che, se fossi un tifoso romanista, ci crederei fino alla fine, eccome.

Se lei fosse il presidente di una grande squadra, a chi la farebbe allenare: faccio qualche nome…Prandelli, Spalletti, Marino?

Lei hai fatto tre nomi che sarebbero nella mia lista, insieme ad altri. Sono tutti e tre molto bravi, perché hanno capacità tecnico – tattiche e sanno gestire il gruppo. Sono queste le caratteristiche che fanno grande un allenatore.

Chi sta giocando il miglior calcio in Italia in questo momento?

In questa stagione il miglior calcio lo ha giocato sicuramente la Roma, e, a tratti, anche la Fiorentina.

C’è un talento del nostro campionato che l’ha stupita particolarmente per bravura?

Mi piace moltissimo Riccardo Montolivo, un centrocampista completo: sa impostare, costruire e  ha un ottimo tiro.

Giovinco, Pato, Balotelli: cosa mi dice di questi tre, invece?

Tutti e tre sono ottimi giocatori. Di Giovinco mi colpisce la genialità, di Pato e Balotelli la potenza unita alla velocità.

C’è un calciatore, italiano o straniero, che ha invidiato ad un suo collega e che avrebbe voluto, o vorrebbe, allenare?

Beh, se io allenassi una grande squadra e avessi una società disposta a spendere, il nome che farei è quello di Lionel Messi. Non serve che le spieghi il perché.

Il giocatore in assoluto  più forte che ha allenato nella sua carriera di ct e di allenatore.

Zinedine Zidane, non ho dubbi su questo.

 Chi sente più spesso dei giocatori che ha allenato?

Peruzzi, Ferrara, Vialli, Rampulla, Del Piero li sento spesso. Ma anche buona parte del gruppo con cui ho vinto il Mondiale: con loro, inevitabilmente, si è creato un legame fortissimo, che va al di là del semplice rapporto professionale. 

Romania, Olanda e Francia: agli Europei l’Italia dovrà affrontare un girone di ferro, ma chi deve temere di più?

Sarà determinante adottare l’approccio giusto alla prima partita (quella contro l’Olanda ndr). E’ chiaro che l’Italia dovrà affrontare nel modo giusto Francia e Olanda. Donadoni ha un gruppo di giocatori forti, che ha voglia di vincere,  nonostante molti di loro siano campioni del mondo, ed è stato bravo ad inserire quei quattro – cinque giocatori in più. Credo che gli azzurri abbiano ottime chance di vincere.

Gli ultimi Europei li ha vinti l’outsider Grecia. Ci sarà una sorpresa anche quest’anno?

 Sono convinto che gli quest’anno vincerà una grande squadra e che non ci saranno sorprese. Però, se mi chiede il nome di una nazionale che può fare molto bene, dico la Croazia.

Alessandro Del Piero: anche quest’anno deve conquistarsi la maglia della nazionale. Se lei fosse ancora ct avrebbe dubbi o lo riconvocherebbe?

La Nazionale ha già un commissario tecnico che è molto bravo. Non sta a me fare le sue scelte. Io ho gestito Del Piero in azzurro per due anni, ora tocca a lui,  è il suo lavoro, non il mio. Quello che posso dire che Del Piero è un super campione e ho l’impressione che continuerà a giocare per parecchi anni ancora.

Dopo  Capello e Trapattoni, potremmo mai vedere Lippi sulla panchina di una nazionale straniera? Farebbe mai una scelta simile?

No. Capello ha sempre dichiarato che per motivi suoi non allenerà mai la nazionale italiana, Trapattoni l’ha già allenata e sappiamo com’è andata. Io ho avuto la fortuna di vincere un mondiale un anno e mezzo fa con l’Italia, e no potrei mai allenare una rappresentativa straniera.

Quindi se Marcello Lippi sarà di nuovo ct lo sarà sulla panchina dell’Italia.

Nella vita non si può mai dire mai. Un giorno, non so quando, non so in quale momento, non mi dispiacerebbe tornare ad allenare la Nazionale. Non le posso dire quando ma non escludo che in futuro non sarò di nuovo ct.     

Elvira Pollina

GAZZETTA DELLO SPORT

ANSA

AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA

TGCOM

SPORTMEDIASET

CORRIERE DELLO SPORT 

Annunci

Una risposta a “NON ESCLUDO IL RITORNO

  1. Alessandro Giorgiutti

    Complimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...