Il bar sport nerazzurro in Rete

Di Elvira Pollina

Mondoblog, il viaggio di Affari nella Blogosfera

 

In tempi in cui predomina il Mourinho pensiero, un blog che si chiama www.iostoconmancini.com potrebbe sembrare poco aggiornato. Eppure, se OleOle, la più grande community internazionale dedicata al calcio, ha deciso di acquistarne i diritti per i prossimi tre anni ci sarà un perché.

Il successo del mio blog, che conta oltre un milione e mezzo di visite dal 2006 – spiega il suo autore, Simone Nicoletti – è tutto legato alla community che è riuscito a sviluppare. I miei post raggiungono i mille commenti al giorno, e molti interisti fanno la cronaca in diretta della partita ogni domenica”. Un match seguito in tempo reale in stile 2.0.

Tutto questo ha convinto OleOle a scegliere iostoconmancini, che è diventato il primo blog italiano a far parte del network. Il suo autore riceverà ogni mese un compenso degno di un giornalista professionista per continuare a scrivere di Inter, la sua grande passione, e di tutto ciò che le gira intorno. Un caso unico nella blogosfera italiana, i cui membri, professionisti dell’ informazione a parte, guadagnano poco o nulla per la loro attività. Simone, che ha 34 anni, vive a Pavia, e lavora per un’azienda di marketing, è entusiasta ma cerca di restare con i piedi per terra: “Manterrò comunque il mio impiego: lasciarlo per vivere col blog sarebbe troppo rischioso, dato che l’accordo con OleOle è legato al raggiungimento di certi risultati”. Un po’ come avviene nel calcio giocato.


www.iostoconmancini.com

Sono sempre stato un appassionato di calcio e di Inter. In passato ho collaborato con diversi giornali minori, più per il piacere di scrivere che per guadagnare, visto che per un pezzo pagavano una miseria” racconta Simone. Poi arrivano Internet e i blog. “Ho aperto il mio subito dopo la sconfitta dell’Inter ad opera della Juventus nel febbraio 2006. La panchina di Mancini scricchiolava, molti lo davano vicino all’esonero, così la scelta del nome fu facile: Io sto con Mancini”. Simone, infatti, come molti altri interisti, individuava nella mancanza di continuità il male dei nerazzurri. “Allora non erano emerse le intercettazioni di Moggi, ma credo ancora che la mancanza di un progetto a lungo termine fosse uno dei motivi per cui l’Inter non riusciva a vincere”.

Io sto con Mancini diventa un punto di ritrovo in Rete per i tifosi nerazzurri, una specie di bar sport del web dove si possono sondare gli umori dei sostenitori della Beneamata. Neanche a dirlo il post che ha avuto più commenti, dopo quello della vittoria dello scudetto lo scorso anno, è stato quello che commentava l’esonero del tecnico jesino da parte di Moratti. “Lì gli interisti si sono spaccati in due, tra chi già rimpiangeva Mancini e le sue vittorie, e chi era entusiasta dell’arrivo di un allenatore come Mourinho, capace di far vincere la Champions League” spiega Simone. “Da parte mia, posso solo essere contento che uno come lui sieda sulla panchina dell’Inter, ma non mi è piaciuto come è stato mandato via Mancini”.

Qualche mese fa Simone viene contattato da OleOle, che gli propone un contratto. Il passaggio nella nuova piattaforma è avvenuto in questi giorni. Il nome del blog è rimasto lo stesso. “La decisione di conservare il nome, nonostante Mancini non alleni più l’Inter, è legata alla filosofia della continuità, che è alla base della nascita di iostoconmancini”. Insomma: nome che vince, non si cambia. Ma allenatore, aggiungiamo noi, sì.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...