FAKEBOOKS LI METTE IN RIGA

Fakebooks

Si chiamano Fakebooks, sono lunghi poco più di una riga e molto meno di un SMS, e strappano un sorriso. Sono le freddure raccolte su questo blog collettivo. Gli autori, come vuole la legge del 2.0, sono gli utenti. I quali in pochi mesi si sono sbizzarriti e, complice il passaparola, hanno dato vita ad un piccolo cult della Rete. Per diventare un fakebook blogger non servono credenziali particolari. Basta saper condensare in una riga una storia che faccia ridere, magari, come fanno alcuni, giocando con i titoli e le trame dei film, con i clichè della letteratura o gli spunti offerti dall’attualità. Se pensate sia facile non vi resta che provare. Se invece vi accontentate di leggere, vi proponiamo una lista dei nostri preferiti. Da leggere tutti d’un fiato.

 

 

Un bambino di legno desidera diventare un bambino vero. Al suo ottavo compleanno esprime il suo desiderio ma nello spegnere le candeline prende fuoco.

Lei lo fissava da lontano. Lui la cercava tra la folla. Poi, finalmente, i loro sguardi si incontrarono. Toccava a lei essere interrogata.

Lui è un supereroe mascherato che si cambia d’abito solo nelle cabine telefoniche. Con l’avvento dei cellulari, la sua attività va in crisi.

Fantozzi contro Titti. Le nuove disavventure del ragionier Ugo, questa volta alle prese con un fastidioso canarino dei cartoni animati.

Lui da anni voleva entrare in Marina. Ma i fratelli di Marina lo riempiranno di botte .

Fantozzi contro Tootsie. L’ennesimo capitolo della saga di disavventure del ragionier Ugo, questa volta alle prese con Dustin Hoffman travestito da donna.

Di giorno “lavora” come dipendente statale, di notte _ un eroe mascherato che combatte le ingiustizie. Ma l’avvento di Brunetta e la lotta all’assenteismo daranno un duro colpo alla sua vita notturna.

Era capace di apprendere qualunque cosa mentre dormiva. Al suo risveglio però non ricordava niente.

Lui è un ragazzo che decide di andare alla ricerca di suo padre. Lo trova nel bar sotto casa a giocare a carte con gli amici.

 

LEGGI L’ARTICOLO SU MAX

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...