La chiocciola entra al Moma / Corriere.it

Clicca sull'immagine per leggere l'articolo

MILANO – Il simbolo “@”, usato per gli indirizzi e-mail ma sempre più spesso anche su Facebook e Twitter per “taggare” qualcuno, è stata inserita nella collezione del museo di arte moderna di New York, dove verrà esposto a fianco dei quadri di Pablo Picasso e dei lavori di Andy Warhol. L’annuncio arriva da un post del blog ufficiale del MoMA firmato da Paola Antonelli, curatrice del dipartimento di architettura e design. Una vera e propria svolta perché, spiega Antonelli, «si abbandona il principio che il possesso fisico di un oggetto è il requisito necessario per la sua acquisizione».

UNITÀ DI MISURA – Nei fatti, il MoMA non ha sborsato nulla per esporre un simbolo che l’esplosione di internet ha fatto diventare universale e non si riserverà alcun diritto sulla sua riproduzione. «È la prima opera veramente gratuita del MoMA, anche se non è l’unica senza prezzo». Per spiegare i motivi della scelta d’includere la chiocciola nel tempio mondiale dell’arte moderna, la curatrice ripercorre la storia curiosa di un simbolo tipografico già presente in alcuni documenti del settimo secolo dopo Cristo, in cui veniva usato per ridurre a un unico tratto di penna la preposizione latina “ad”. La @ poi si trasformò in un’unità di misura commerciale: nella Venezia del sedicesimo secolo stava a indicare l’anfora di terracotta, usata dai mercanti per quantificare i propri scambi. Il legame con il commercio si mantiene fino al diciannovesimo secolo, quando la @ viene inclusa all’interno della tastiera della macchina da scrivere per poi essere inserita, nel 1963, all’interno di sistema ASCII, ovvero quell’insieme di caratteri riconosciuti e rappresentabili dai computer, come abbreviazione dell’allocuzione “at the rate of” ovvero “al prezzo di”, che diventava semplicemente @, “at”.

CANE, GATTO, TOPO – A ridisegnare l’uso della @, che in realtà giaceva pressoché inutilizzata sulla tastiera, fu l’ingegnere elettronico Ray Tomlinson, inventore del primo sistema e-mail, che diede al simbolo il significato che oggi tutti conoscono, sebbene la sua interpretazione visiva cambi da Paese a Paese: gli italiani e i francesi la chiamano chiocciola, per i russi è un cane, per i finlandesi un gatto arrotolato, per i cinesi un topo, per i tedeschi una coda di scimmia. E l’inserimento nella collezione del MoMA è proprio un omaggio all’intuizione di Tomlinson, che seppe ridare nuova vita a quel carattere, in cui «si ritrovano tutti gli elementi, come la semplicità, l’essenzialità, l’eleganza, propri della modernità».

LEGGI IL PEZZO SU CORRIERE.IT

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...