Corriere della Sera MAGAZINE

9 settembre 2008

L’ITALIANO AI TEMPI DEGLI SMS

E GOOGLE SVELA I SOGNI DEGLI ITALIANI

A TORINO SI NAVIGA ONLINE PER IL PROZAC,MODENA VUOL SAPERE TUTTO SUL VOLONTARIATO, CATANZARO SUI PRESTITI. E IL SESSO? E’ AL TOP A PERUGIA

di ELVIRA POLLINA

 

I foggiani sono i più interessati agli influssi degli astriI pavesi i più attenti alle offerte low cost.  A Como, invece, non aspettano altro che andare in vacanza.  Come si sa tutto questo? Non servono complicate analisi di mercato, ma un paio di clic. Da qualche settimana, Google, il motore di ricerca più utilizzato al mondo , ha inaugurato Insights, un nuovo servizio che consente a chiunque di monitorare il livello d’interesse per le parole in Rete,  con la possibilità di filtrare i dati per zona geografica e periodo di tempo, a partire dal 2004. Così, si scopre che quattro anni fa  gli italiani  scandagliavano la Rete alla caccia di un impiego: la parola più cercata era lavoro. Nel 2008, invece, il termine più inserito nella stringa di Google è YouTube, a conferma del boom dei video online degli ultimi tempi.

Ma filtrando la la ricerca per provincia e  inserendo dei termini “spia”, si è in grado di rivelare sogni, paure, desideri e angosce degli italiani nell’ultimo anno.  Ne esce una  vera e propria mappa dell’Italia sul Web, che vede Torino al primo posto nella ricerca online di farmaci antidepressivi e Ancona in pole position per l’attenzione al mondo dell’esoterismo. Catanzaro non se la passa bene: negli ultimi 12 mesi è la provincia italiana che ha cercato di più le parole lavoro, soldi, prestiti e scommesse. Per la serie: in qualche modo si deve campare. A modenesi e bolognesi, invece, spetta il premio alla bontà: sono primi, rispettivamente, per le ricerche  su volontariato e beneficenza. Perugia, infine, si conferma godereccia: è la provincia italiana che cerca  più sesso ed ha anche il primato per le ricerche su pillola del giorno dopo. In effetti, non fa una grinza.

26 giugno 2008

COELHO

Ho  raggiunto un traguardo: cento milioni di libri. Vi spiego come ho fatto

 

 

L’ARTE DI METTERE I SEGRETI ONLINE

CREARE CARTOLINE, SCRIVERCI SOPRA I PENSIERI PIU’ NASCOSTI E COLLOCARLI IN UN BLOG. CHE IN USA E’ TRA I PIU’ CLICCATI. E ORA E’ DIVENTATO UN LIBRO 

di ELVIRA POLLINA

A metà tra un’opera d’arte collettiva e un confessionale in rete: PostSecret (http://postsecret.blogspot.com) è un social blog che da oltre tre anni raccoglie i pensieri e i desideri nascosti degli americani, mettendo online, in forma rigorosamente anonima,  le foto di cartoline fatte a mano su cui l’autore scrive un segreto mai svelato prima.“Ho divorziato perché l’ho beccato a mettermi le corna … ma in realtà sono stata io a tradirlo per prima!” scrive una donna su una cartolina dove campeggia uno scatto del marito che entra furtivamente in un appartamento con l’amante. “Spero che perda così avrò ancora una possibilità di diventare la prima donna presidente degli  Stati Uniti” confessa un’altra, su una card che ritrae una sfatta Hillary Clinton. Che con il suo ritiro l’ha accontentata. “Alla mia famiglia di laureati ad Harvard da quattro generazioni: mi dispiace proprio, ma io non ci vado!” si sfoga un neodiplomato, che al posto del prestigioso college vuole frequentare una scuola di musica. Velenoso il post scriptum: “Non siamo più ricchi: piantatela!”. PostSecret, che si appoggia sulla piattaforma Blogger,  viene aggiornato ogni domenica con circa una ventina di cartoline contenti altrettanti segreti ed è tra i siti più cliccati negli States. Il suo successo è stato decretato dalla marea di postcard che continuano ad arrivare al suo ideatore e curatore, l’artista Frank Warren, che ha selezionato le migliori tra le migliaia messe in rete fino ad oggi in quattro volumi, l’ultimo uscito negli Stati Uniti lo scorso ottobre. Da pochi mesi sono online anche una versione in francese e una in tedesco del sito, che, nato quasi per caso, ha ricevuto una serie d’importanti riconoscimenti, tra cui il Webby Award 2008 come migliore blog artistico. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...